La Nostra Autoscuola

    Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Condividere

    zafira
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 807
    Età : 57
    Località : Milano
    Occupazione/Hobby : Istruttore di guida, Carrozziere/meccanico, Hobby: Rally, ballo liscio, cucinare
    Data d'iscrizione : 05.02.08

    Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da zafira il Ven 21 Mar 2008 - 12:18

    Guardate questo filmato.
    http://videos.streetfire.net/video/Crash-Test-Complation-Part-1_151639.htm

    Carmageddon
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 778
    Età : 44
    Località : Treviso
    Occupazione/Hobby : Polfer. Hobbies: Autoscuola, Videogames, Retrogames, Basso, Quad
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Carmageddon il Ven 21 Mar 2008 - 14:54

    Mercedes-Smart 1-0 asd

    Ma nuuu, povera 2CV! Sad

    Il salsicciotto me lo spiegate? °_°

    Il pick-up e il doppia cabina erano fatti di cartone?

    Moto + auto = azzi amari per chi è in moto....

    Anche il sushi c'è!!! Sgroppone

    caro
    Autista affermato
    Autista affermato

    Maschile
    Numero di messaggi : 219
    Età : 46
    Località : (cagliari)
    Occupazione/Hobby : insegnante/istruttore
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da caro il Ven 21 Mar 2008 - 15:56

    tutti questi test ci invitano a pensare che chi costruisce le macchine si impegna a renderle sicure,però entro certi limiti,quindi...PRUDENZA!!!! non guidiamo dei blindati ma... macchinina

    senbee
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 393
    Località : Torino Beach
    Occupazione/Hobby : Autoscuolista
    Umore : Nonostante tutto, felice e positivo...talvolta, faticando!
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da senbee il Ven 21 Mar 2008 - 17:03

    GRAZIE CARO!!!!! Gran filmato, fa riflettere! Lo userò con gli allievi, grazie davvero!

    SIMONE748
    Autista esperto
    Autista esperto

    Maschile
    Numero di messaggi : 266
    Età : 42
    Località : 43°Parallelo
    Occupazione/Hobby : Impiegato Tecnico,Istruttore di Guida,Motori,Libri,Cucinare.....
    Umore : (buon)
    Data d'iscrizione : 01.03.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da SIMONE748 il Mar 25 Mar 2008 - 14:27

    a proposito di sicurezza attiva , mi e' tornato in mente un quesito,,,,ma l'età di un pneumatico di quanti anni deve essere "vecchio""? nonostante non siano usurati
    Cinque anni???....

    The Stig
    Neopatentato
    Neopatentato

    Numero di messaggi : 36
    Data d'iscrizione : 15.03.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da The Stig il Mer 26 Mar 2008 - 0:32

    Hello,
    a partire dal quarto anno di vita il pneumatico inizia un inesorabile declino dovuto ad una serie di alterazioni causate dalle condizioni climatiche -con particolare riferimento alle escursioni termiche- e dalle sostanze con cui è venuto a contatto durante l'impiego. Semplificando, si potrebbe dire che la gomma si "indurisce" e si "asciuga", per quanto le reazioni chimiche che avvengono all'interno della mescola siano ben più complesse, in quanto il fenomeno che ne deriva porta addirittura alla separazione dei molti componenti che formano la mescola e che in origine sono opportumanente amalgamati. Il primo segno di questo deterioramento è un minor angolo di deriva, che difficilmente viene percepito dal normale utente, seguito da un aumento degli spazi di frenatura e dal progressivo ridursi dell'aderenza sul terreno. Esteriormente, si possono notare una variazione della colorazione della gomma e la formazione di numerose, minuscole screpolature particolarmente sui fianchi. Si raccomanda pertanto di verificare la data di fabbricazione -stampigliata sui fianchi- tralasciando in questo caso l'usura del battistrada e provvedendo ad una sostituzione nel minor tempo possibile.

    SIMONE748
    Autista esperto
    Autista esperto

    Maschile
    Numero di messaggi : 266
    Età : 42
    Località : 43°Parallelo
    Occupazione/Hobby : Impiegato Tecnico,Istruttore di Guida,Motori,Libri,Cucinare.....
    Umore : (buon)
    Data d'iscrizione : 01.03.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da SIMONE748 il Mer 26 Mar 2008 - 19:04

    grazie,avevo dei dubbi per quanto riguarda il c.d.s. ,visto che stanno facendo dei controlli specifici nella nostra provincia.

    Matricardi
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 372
    Età : 51
    Località : Torino
    Umore : Memento audere semper
    Data d'iscrizione : 22.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Matricardi il Sab 26 Apr 2008 - 22:35

    In rete di filmati utili anche in aula ce ne sono molti, personalmente utilizzo quelli di Rai Educational della serie mettici la testa. Questo è ottimo per l'alcool ad esempio:


    Matricardi
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 372
    Età : 51
    Località : Torino
    Umore : Memento audere semper
    Data d'iscrizione : 22.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Matricardi il Sab 26 Apr 2008 - 22:39

    all'inizio della lezione sulla cause più frequenti di incidenti stradali, ad esempio, leggo sempre il testo di questo video:


    Matricardi
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 372
    Età : 51
    Località : Torino
    Umore : Memento audere semper
    Data d'iscrizione : 22.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Matricardi il Dom 27 Apr 2008 - 0:42

    Non so cosa ne pensate voi, ma io ritengo giusto dare anche un piccolo pugno allo stomaco su certi argomenti.
    Se non lo facciamo in autoscuola non lo fa nessuno.
    In tv è vietato, al cinema pure, almeno noi siamo autorizzati a farlo, che ne pensate?

    SIMONE748
    Autista esperto
    Autista esperto

    Maschile
    Numero di messaggi : 266
    Età : 42
    Località : 43°Parallelo
    Occupazione/Hobby : Impiegato Tecnico,Istruttore di Guida,Motori,Libri,Cucinare.....
    Umore : (buon)
    Data d'iscrizione : 01.03.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da SIMONE748 il Lun 19 Mag 2008 - 10:33

    ne penso bene ....visto che molti ragazzi(e non solo!!!!) perdono la vita con comportamenti scorretti dovuti ad un'istinto di onnipotenza al volante, pensando che l'alcool o droghe varie non alterino la capacita' di riuscire a guidare; in questo caso un video che non ha bisogno di ulteriori commenti ,si comprende naturalmente.....

    Ospite
    Ospite

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Ospite il Lun 19 Mag 2008 - 19:03

    Certo avevo visto dei video d'incidenti stradali ma questi....... sono davvero tremendi mi sono commossa davanti al secondo di Matricardi. Sta sera gli propongo in Aula Vi farò sapere le reazioni.

    Ospite
    Ospite

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Ospite il Lun 19 Mag 2008 - 21:07

    Il filmato ha lasciato tutti di stucco, nessun commento silenzio, silenzio assoluto, paura pietà si sono sovraposte, occhi lucidi, sgomento. in aula c'erano anche dei minori, all'inizio ho tentennato non sapevo se era opportuno mi sembravano molto duri, poi mi son detta più son giovani più sono suggestionabili perchè no? E allora l'ho mostrato. E stato incredibile. credo che sia servito ed il messaggio sia arrivato. Bravo Matricardi

    Matricardi
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 372
    Età : 51
    Località : Torino
    Umore : Memento audere semper
    Data d'iscrizione : 22.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Matricardi il Mar 20 Mag 2008 - 7:11

    @felicità
    Confesso che mi hai reso felice, potrà sembrarti strano ma è così. Spesso ci danniamo per trovare qualcosa di particolare che ci aiuti a trasferire meglio il nostro pensiero ai nostri allievi, e poi magari scopriamo, per caso, che un collega ha provato un sistema nuovo, lo proviamo e vedendo che funziona lo facciamo nostro; questa si chiama collaborazione, stima, rispetto, comune crescita di una professione. Io spero sempre di imparare qualcosa in più parlando con un collega, mentre detesto coloro i quali ritengono di saper già tutto. Oggi hai imparato qualcosa da me, sono certo che domani potrò imparare molto di più io da te!

    @tutti
    In riferimento al messaggio di questi video li ritengo basilari, i miei allievi se li raccontano tra loro, i nuovi li aspettano perchè i più anziani li hanno annunciati e le lezioni sulle cause più frequenti di incidenti stradali durano sempre più del dovuto, e ragazzi non vogliono uscire dall'aula, fanno domande e partecipano come ormai sempre più raramente accade nelle altre lezioni.
    Il secondo video, quello relativo alla lettera alla mamma, in realtà non lo faccio vedere, ma leggo io il testo della lettera.
    In realtà mi serve per entrare nel pieno dell'argomento, la recito, e pur leggendola in ogni corso ormai da anni, riesco a volte a commuovermi da solo come se fosse la prima volta. Finito di leggerla faccio una pausa e poi chiedo "arrivato il pugno nello stomaco? Si? Bene, perchè vorrei che vi fosse arrivato forte, ma veramente forte, perchè preferisco che vi arrivi questo di colpo, piuttosto che quello vero che è arrivato a questa ragazza poco prima di morire"! E da quel momento in poi ragazzi, credetemi, avete aperto un cratere e riuscite a farli parlare come un fiume in piena, riuscite a trasferire tutto ciò che in altri contesti rifiuterebbero a priori.

    MaNdRy76
    Admin
    Admin

    Maschile
    Numero di messaggi : 516
    Età : 40
    Località : Campi Bisenzio Firenze
    Occupazione/Hobby : Insegnante Istruttore di guida e Consulente Automobilistico.... Hobby Pilota Aereo Ulm Biposto, Tecnologia in generale,
    Umore : Dipende... tipicamente stabile
    Data d'iscrizione : 28.01.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da MaNdRy76 il Mar 20 Mag 2008 - 9:25

    Sono dei video impressionanti....molto istruttivi... bravo! Condivido la necessita di dare un colpo allo stomaco ai ragazzi per fagli capire quant'è pericoloso l'alcool al volante.
    In aula non sono sufficienti discorsi basilari, ma narrare racconti e far vedere anche qualche cruda scena di vera realtà si.
    Mi sa che ti rubo l'idea del secondo video... quando arrivo al programma delle cause dell'incidente lo proietto e vediamo cosa succede... sicuramente le bimbe le troverò dopo con gl'occhioni lucidi... spero che sarà anche per i maschietti... i miei attuali alunni sono dei casinisti..
    Vado al lavoro ragazzacci e fate i bravi mi raccomando.. Buona Giornata Matricardi

    Dilki
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 4033
    Età : 34
    Località : ROMA Caput Mundi
    Occupazione/Hobby : ogni tanto lavoro,ogni tanto studio,troppo spesso cazzeggio/leggere, scrivere, equitazione, foto
    Umore : al momento me stresso e me rattristo :(
    Data d'iscrizione : 03.02.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Dilki il Mar 20 Mag 2008 - 22:49

    Ma cosa intendete per sicurezza attiva e passiva?

    Ma siete tutti d'accordo con la visione di questi filmati?

    maxwell
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 424
    Età : 56
    Località : Nord-Est
    Occupazione/Hobby : Insegnante/Istruttore di scuola guida; Musica,Viaggi,Motori,Tanta aria aperta.
    Umore : sereno e tranqui entro le 10 guide,oltre .....impegnato in tecniche di autorilassamento orientali
    Data d'iscrizione : 13.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da maxwell il Mer 21 Mag 2008 - 1:01

    to Dilki:
    Assolutamente no,ho valutato a suo tempo e ogni tanto ci penso ancora,circa l'opportunità di mostrare filmati di questo tipo,anzi , così impostati,non ci penserei proprio,il pugno allo stomaco che Mastricardi fa arrivare,credo svanisca appena la compagnia al bar incalza ad un altro drink.....ci vuole ben altro.
    Ma non è questo il punto,il boomerang secondo me può essere che,peggio dell'alcol alla guida c'è solo la paura di guidare e la paura degli "altri alla guida",l'immanenza dell'incidente,la nostra vulnerabilità,l'impossibilità di prevedere, l'imperizia e l'imprudenza degli altri,cocktail più pericoloso "dell'altro cocktail".
    Chi guida deve essere sereno,concentrato,consapevole,la paura non aiuta,si consapevole anche che sulla strada si può morire,ma conscio che bere è controproducente,pericoloso e stupido.
    Allora come fare per entrare nella coscienza e nella ragione dei ragazzi?quella ragione che farà si che non si beva davvero quando si guida,che non si salga in auto con chi ha bevuto,che li faccia passare per antipatici e bacchettoni quando diranno "no grazie",agli occhi degli amici pervasi da quel senso di onnipotenza che solo l'incoscienza della gioventù sa dare.
    Le statistiche e gli studi dicono che le campagne pubblicitarie più dure e crude (Francia e Inghilterra)hanno dato risultati effimeri e transitori,molto di più hanno potuto la tolleranza zero e sanzioni pesantissime,in particolare la certezza di essere beccati dalle FDO.
    Certo la crudezza della storia mostrata,il realismo,i visi e i corpi deturpati,in un mondo dove il viso e il corpo sono tutto,sono forti fattori emotivi,certo il silenzio in aula dopo aver passato il filmato,la lacrimuccia,tutte cose che fanno ben sperare direte...no non è così,sono "pugni sullo stomaco"che fanno male subito, ma si dimenticano in fretta,del resto,chi non ha avuto un parente/amico/conoscente morto per l'alta velocità,alcol/imprudenza alla guida?basterebbe questo no?no non basta,i meccanismi di auto-esaltazione del "gruppo"sono più forti.
    Allora io non passo filmati che scioccano nella sobria atmosfera dell'aula,per dissiparsi nell'alterata atmosfera della disco,ma cerco di convincerli a non bere con tutta la forza,la persuasione,l'autorevolezza di cui sono capace,cito dati,esempi,parlo della guida in stato di ebbrezza come del peggiori dei mali ,forse non usciranno scioccati,ma nemmeno spaventati.
    hi maxwell

    Matricardi
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 372
    Età : 51
    Località : Torino
    Umore : Memento audere semper
    Data d'iscrizione : 22.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Matricardi il Mer 21 Mag 2008 - 1:22

    Rispondo sulla sicurezza attiva e passiva, ma ben lungi da me l'idea di voler apparire come colui che ne sa più di altri quando in realtà, ve l'assicuro, più passa il tempo più mi accorgo di quante cose ignoro.
    In relazione all'utilità di tali filmati non rispondo in quando ritengo di averlo già fatto diffusamente.

    In realtà parlare solo di sicurezza attiva e passiva è riduttivo poichè non bisogna tralasciare la sicurezza preventiva, che viene sicuramente prima delle altre due.

    Entrando nel merito possiamo dire quanto segue:

    1- Sicurezza preventiva: tutto ciò che viene installato sul veicolo al fine di far si che il conducente sia quanto più possibile concentrato su ciò che avviene all'esterno del veicolo, mettendosi così in condizione di prevenire eventuali ostacoli. Rientrano in tale concetto tutti gli strumenti atti ad aumentare il confort, l'ergonomia, la climatizzazione, la visibilità.

    2- Sicurezza attiva: tutto ciò che viene installato sul veicolo al fine di far si che, anche all'ultimo istante, sia possibile al conducente evitare un possibile incidente. Rientrano in tale concetto tutti gli strumenti atti ad aumentare la stabilità ed il comportamento su strada, le doti di ripresa, la frenata.

    3- Sicurezza passiva: tutto ciò che viene installato sul veicolo al fine di far si che, qualora si verifichi un incidente, gli occupanti del veicolo ne abbiano la minor entità di danno possibile. Rientrano in tale concetto tutte le prove di crash test, le barre laterali, il comportamento in caso di urto frontale, laterale, posteriore, ribaltamento, tenuta al fuoco. Gli strumenti atti a ridurre i danni degli utenti della strada non protetti, i sistemi di ritenuta e le cinture di sicurezza, l'air bag.

    Questi sono gli enunciati relativi alla sicurezza preventiva, attiva e passiva, su questo è ora ovviamente possibile sbizzarirsi in tutte le possibili dissertazioni, come ad esempio:

    - la continua ricerca di gran confort di marcia, maggiori prestazioni, barre antiintrusioni e superamento dei limiti di crash test imposti a livello eurepeo, è realmente sicurezza o, in realtà, contribuisce a dare al conducente una effimera ed apparente sensazione di maggior sicurezza che, in realtà, si traduce con una minor sicurezza?

    - Se è vero che una buon ripresa contribuisce ad aumentare la sicurezza attiva togliendo di impaccio un conducente magari in difficoltà, perchè bisogna ritoccare l'art. 117 del c.d.s (limitazioni alla guida) dal momento che già nel 1994, 1996, e 1998 si è dimostrato che non ha senso limitare la cilindrata o la potenza ma semmai i limiti di velocità (salvo poi legiferare realmente sui dispositivi atti a riconoscere tali conducenti)?

    - Se è vero che solo l'istituto della patente a punti ha, di fatto, portato gli italiani a utilizzare le cinture di sicurezza ignorando che tale norma era già in vigore da anni, perchè alcuni continuano a pensare che tale obbligo sussiste solo nei sedili anteriori? E perchè si ignora che se il passeggero posteriore non le allaccia, non solo ne ottiene i danni peggiori, ma per giunta produce danni anche irreparabili al conducente o al passeggero anteriore finendo loro contro con un'accellerazione pari a 5G?

    - e già che ci siamo, cosa ne pensate se cominciassimo a far capire a tutti che le cinture dietro si allacciano e sono obbligatorie (mi riferisco al nostro lavoro ad iniziare dagli............... esami?)

    Dilki
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 4033
    Età : 34
    Località : ROMA Caput Mundi
    Occupazione/Hobby : ogni tanto lavoro,ogni tanto studio,troppo spesso cazzeggio/leggere, scrivere, equitazione, foto
    Umore : al momento me stresso e me rattristo :(
    Data d'iscrizione : 03.02.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Dilki il Mer 21 Mag 2008 - 14:55

    @ matricardi,
    grzie per la spiegazione, non sapevo queste differenze..

    @ Max
    la penso proprio come te.
    Inoltre quando ero a scuola (16 anni circa) ci fecero vedere un filmato del genere (in realtà questi postati qui me li sono risparmiati. ma credo siano simili) e sono stata molto male, non l'ho trovato giusto!!
    Quando guido e cerco di fare attenzione e a rispettare le regole di sicurezza nonchè di rispetto per gli altri e me stessa e di rispetto per la vita degli altri e la mia, non lo faccio pensando a quei video terribili, lo faccio perchè mi è stato insegnato nella vita ad avere questo rispetto, lo faccio perchè mi è stata insegnata la responsabilità e la pericolosità del mezzo. E non credo che dei video di questo tipo possano insegnare valori di tale portata a lungo termine...
    Se ti ubriachi e guidi lo stesso perchè ti senti il padre eterno, lo fai anche dopo aver visto quel video, sopratutto se è passato tempo, sennò, dai basta seguire un tg per farsi venire l'ansia, è un bollettino di guerra, a me personalmente solo quello fa venire il terrore!!!
    Non so come funziona nelle autoscuole, ma se non lo si fa già (forse voi fate così e io non lo so), io chiederei prima alle persone se lo vogliono vedere o meno.
    Poi magari sbaglio, ma questo è il mio pensiero.

    Ciao

    Matricardi
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 372
    Età : 51
    Località : Torino
    Umore : Memento audere semper
    Data d'iscrizione : 22.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Matricardi il Mer 21 Mag 2008 - 19:36

    @Dilki
    Ovviamente rispetto il tuo pensiero pur essendo opposto al mio, ma ti prego di riflettere su un concetto molto semplice:
    A 18 anni ci si sente invincibili, dei superman, da quando si nasce ci dicono che abbiamo una vita davanti e, quindi, siamo assolutamente certi che nessuno e nulla al mondo ci potrà mai fermare.
    Usciamo di casa è i genitori dicono sempre la solita frase "di te mi fido, ci mancherebbe, ma è degli altri che ho paura", e noi cresciamo pensando che al massimo, chi sbaglia, sono gli altri, dimenticando che noi siamo "gli altri" per "gli altri".
    Vedere certi video e sentire certe storie vissute, ci porta a immedesimarci nei protagosti, ci porta a capire che tutto questo potrebbe capitare a chiunque, e quindi anche a noi, in qualsiasi momento, e con una rapidità incredibile!
    Un solo secondo può cambiarci la vita per sempre, si è in auto tra amici, allegri, contenti, si ride e si scherza, un istante dopo può essere tutto diverso.
    Un secondo dopo e troppo tardi per accorgersi che non siamo superman.
    Un secondo dopo e troppo tardi per capire che si deve guidare cercando sempre di prevenire quel secondo.
    Un secondo dopo e troppo tardi per ricordarsi di queste parole.
    In aula, il mio compito, è anche far capire cosa fare per non andare oltre quel secondo e se per farlo devo dare qualche colpo nello stomaco lo faccio molto volentieri ma non per sadismo, bensi perchè sono certo che questo lavoro, al di là dei ritorni economici, al di là dei biglietti da visita e al di là del numero di iscritti annui di ognuno di noi, ha per me realmente senso qualora io riesca a credere che con le mia parole, con le mie lezioni, con mio modo di essere, riesco, nel mio piccolo, ad evitare almeno 1 morto l'anno sulle nostre strade!
    Ti lascio con una battuta utopistica ma a mio avviso bella e di speranza: sai cosa accadrebbe se ogni titolare di autoscuola condividesse tale principio?
    Ti rispondo con un dato:
    numero medio di sinistri degli ultimi anni = 6.500 circa
    numero di autoscuole presenti in Italia = 6.500 circa
    buffo non credi?!

    Dilki
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 4033
    Età : 34
    Località : ROMA Caput Mundi
    Occupazione/Hobby : ogni tanto lavoro,ogni tanto studio,troppo spesso cazzeggio/leggere, scrivere, equitazione, foto
    Umore : al momento me stresso e me rattristo :(
    Data d'iscrizione : 03.02.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Dilki il Mer 21 Mag 2008 - 22:54

    beh se la metti così allora "Un secondo dopo e troppo tardi per ricordarsi di questi video" Wink

    Non sono d'accordo con quello che dici per i motivi che ho sopra spiegato, non mi ripeterò. Però mi hai illuminato, io sono cresciuta sentendo mia madre dire che non si fidava di me, chissà magari è questo asd

    ps. cmq non solo a 18 ci si sente dei superman, quando si è solo degli idioti!!

    ah dimenticavo, ma questa sicurezza attiva e passiva non rientra esattamente nelle tecniche dell'auto o nelle sue componenti vero? (perdonate come al solito la mia ignoranza Rolling Eyes )

    Matricardi
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 372
    Età : 51
    Località : Torino
    Umore : Memento audere semper
    Data d'iscrizione : 22.04.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Matricardi il Mer 21 Mag 2008 - 23:15

    Brava Dilki, ecco come chiudere con grande intelligenza un argomento sul quale non si hanno le stesse vedute, la battuta su tua mamma poi, è fantastica!

    Concordo sul tuo PS.

    Se tutti prendessimo esempio da questo episodio, su questo ed altri forum non ci sarebbe nemmeno bisogno di moderatori (ogni riferimento non è voluto ma puramente casuale, credetemi).

    Dilki
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 4033
    Età : 34
    Località : ROMA Caput Mundi
    Occupazione/Hobby : ogni tanto lavoro,ogni tanto studio,troppo spesso cazzeggio/leggere, scrivere, equitazione, foto
    Umore : al momento me stresso e me rattristo :(
    Data d'iscrizione : 03.02.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Dilki il Mer 21 Mag 2008 - 23:19

    Laughing

    Ospite
    Ospite

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Ospite il Gio 22 Mag 2008 - 12:30

    Credo che mostrare i Video sia estremamente utile. il cervello umano lavora ad immagini e creando nei cervelli dei ragazzi delle immagini così forti in qualche modo gli influenziamo. Secondo me facciamo benissimo a usare il nostro ruolo per sensibilizzare un po.
    Del resto pensate ai vari corsi che vengono fatti (sapete da chi) nelle scuole dove vengono proiettatate immagini del genere. Hanno un graN successo ed i ragazzi ne parlano, riflettono. Del resto negli ultimi anni noi genitori tendiamo a proteggere i figli ad oltranza, è normale per amore ma.... bisogna anche insegnare loro le conseguenze dei gesti sbagliati e saremmo sicuramente aiutati se a comportamenti errati corrispondessero pene vere severe come dice maxwell.

    Per farmi meglio capire vi porto ad esempio i videogiochi dove se vai contromano e distruggi il maggior numero di veicoli vinci, o in quelli dove puoi picchiar forte quanto vuoi, quello si rialza e continua a combattere.....
    Ma avete notato che in tutti questi video giochi non si vede mai il sangue che scorre l'essere che muore. Non si vedono insomma le conseguenze dei gesti sbagliati, quindi noi in autoscuola facendo vedere dei video mostriamo la realtà, cosa succede se vai contromano.... non vinci un bel niente, UCCIDI.
    qualcuno potrebbe obiettare sono giochi.. ok prendiamo la televisione forse si vede mai la coseguenza del gesto, non dimentichiamo che i nostri ragzzi partono da 14 anni quindi guardano i cartoni animati, e pensano che se mangi i fagioli di balzai resusciti.
    E poi abbiamo paura di spaventarli con i video quando loro si riprendo o riprendono con il telefonino e lo mettono su internet il pestaggio di un compagno invalido?

    Dilki
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 4033
    Età : 34
    Località : ROMA Caput Mundi
    Occupazione/Hobby : ogni tanto lavoro,ogni tanto studio,troppo spesso cazzeggio/leggere, scrivere, equitazione, foto
    Umore : al momento me stresso e me rattristo :(
    Data d'iscrizione : 03.02.08

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Dilki il Gio 22 Mag 2008 - 14:41

    scusami, felicia, ma io queste cose a 14 non le pensavo... Shocked
    vabbè che non so più come sono i ragazzi di oggi, ma di anni ne ho 25 non 70!!

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Parliamo di sicurezza attiva e passiva

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato Oggi a 9:04


      La data/ora di oggi è Dom 11 Dic 2016 - 9:04