La Nostra Autoscuola

    Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Condividere

    mastrolindo
    Autista della domenica
    Autista della domenica

    Maschile
    Numero di messaggi : 127
    Età : 44
    Località : veneto
    Occupazione/Hobby : mtb,ciclismo,legno
    Data d'iscrizione : 27.04.09

    Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da mastrolindo il Ven 3 Lug 2009 - 19:36

    da il velino
    Nasce un nuovo consorzio con nuovi e sani propositi sarà vero? E' solo un nuovo sistema per spillare soldi all autoscuole? ...
    dite la vostra
    ciao

    Carmageddon
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 778
    Età : 44
    Località : Treviso
    Occupazione/Hobby : Polfer. Hobbies: Autoscuola, Videogames, Retrogames, Basso, Quad
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Carmageddon il Sab 4 Lug 2009 - 13:09

    Boh... A me viene subito da pensare che i corsi accurati come vogliono fare loro, sono necessariamente costosi, e quindi una bella fetta di allievi se ne fregherà altamente di questo "progetto per l'educazione stradale di alta qualità".

    O tale idea di rinnovo formazione parte dall'alto, MOLTO dall'alto e quindi viene reso obbligatorio proprio con circolari ministeriali, o pippe. Che poi, anche se succedesse, sappiamo bene in quanti staterelli è ancora suddivisa l'italia.... smile


    Insomma, per ora mi pare di sentire solo un bel bla-bla-bla, ma stringi stringi, nada.
    Felice di essere smentita, comunque, eh.

    pvorl
    Principiante
    Principiante

    Maschile
    Numero di messaggi : 8
    Età : 44
    Località : Pescara
    Occupazione/Hobby : Imprenditore
    Data d'iscrizione : 06.07.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da pvorl il Lun 6 Lug 2009 - 15:53

    Caro Carmageddon,
    Sono un consigliere di amministrazione de La Nuova Guida.
    Mi spiace contraddirti, ma hai scritto cose che sono l'esatto contrario di ciò che ci siamo prefissati.
    Tu stai in Polizia e dovresti conoscere bene il numero dei morti che ogni anno flagella purtroppo le nostre strade.
    Noi siamo un gruppo di professionisti che, UDITE UDITE, attraverso approfonditi studi ed attraverso l'utilizzo di tecnologie innovative, riesce a preparare gli allievi in maniera REALMENTE efficace con un numero di lezioni inferiori alla classica autoscuola dalla quale VOGLIAMO DISTINGUERCI NETTAMENTE.
    Ti invito a partecipare ad una delle mie lezioni di guida e scoprirai un modo totalmente diverso di formare i conducenti.
    Noi non puntiamo al conseguimento della patente ma puntiamo ad insegnare efficacemente a guidare, rispettando le norme del codice della strada e rendendo capaci gli allievi di fronteggiare (e soprattutto anticipare) i pericoli della strada.
    Quindi niente bla-bla-bla ma progetti SERI e concreti realizzati per creare un gruppo forte e serio di professionisti della formazione.
    Rispondo anche a mastrolindo che chiede se sia un nuovo sistema per spillare soldi alle autoscuole. Assolutamente no, il nostro è un gruppo serio creato per portare innovazione e qualità nelle autoscuole.
    Non capisco perchè quando si cerca di fare qualcosa di buono nel settore autoscuole c'è sempre questa cultura del sospetto e dell'inciucio.
    Vi invito comunque ad entrare, nei prossimi mesi (siamo appena partiti quindi stiamo formando i nostri consorziati) in una delle autoscuole che espongono il nostro marchio.
    Sarò felice a quel punto di rispondere alle vostre critiche purchè si siano create sulla base di presupposti concreti e non sulla base di preconcetti ed inutili archetipi.
    Piero Orlandi
    La Nuova Guida

    mony
    Autista della domenica
    Autista della domenica

    Femminile
    Numero di messaggi : 100
    Età : 44
    Località : sardegna
    Occupazione/Hobby : insegnante
    Umore : ottimo
    Data d'iscrizione : 24.06.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da mony il Lun 6 Lug 2009 - 17:57

    SONO INTERESSATA, POTRESTI DARMI DELLE MAGGIORI INFORMAZIONI?
    chi siete? dove avete la sede? cosa prevede oggetto sociale? si puo' leggere il VS statuto?
    Quanto costa consorziarsi?

    mastrolindo
    Autista della domenica
    Autista della domenica

    Maschile
    Numero di messaggi : 127
    Età : 44
    Località : veneto
    Occupazione/Hobby : mtb,ciclismo,legno
    Data d'iscrizione : 27.04.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da mastrolindo il Lun 6 Lug 2009 - 19:49

    Caro Piero, sono sicuro che i buoni proposti ci siano tutti ed il fatto che se ne occupi un consorzio di più autoscuole a livello nazionale non può che farmi piacere.
    Forse c'è qualcosa nell'aria che si muove anche per questa bistrattata categoria.
    "...Non capisco perchè quando si cerca di fare qualcosa di buono nel settore autoscuole c'è sempre questa cultura del sospetto e dell'inciucio..." La mia domanda era rivolta per aprire un discussione fra di noi su questa nuova relatà che sta per nascere o che è già nata. Non è intesa a giudicare il lavoro di persone che sono convinte e si operano per fare del bene alla categoria e all' utenza che rappresentano.
    Quindi sarei strafelice se potesse occupare del tempo per spiegare anche a noi cosa stà succedendo, e se qualcuno volesse partecipare fattivamente alla nascente nuova relatà, cosa dovrebbe fare.
    I scopi già si trovano in internet, sia sul vostro sito "www.lanuovaguida.it", sia nelle varie interviste pubblicate sui vari quotidiani anche on line e devo dire che quando le ho lette sono saltato sulla sedia perchè non erano le classiche offerte
    franchising delle varie scuola guide sicure o peggio di un famoso ente, ma venivano direttamente da noi ... be che dire ... ci faccia sapere.
    lol!
    Ciao

    pvorl
    Principiante
    Principiante

    Maschile
    Numero di messaggi : 8
    Età : 44
    Località : Pescara
    Occupazione/Hobby : Imprenditore
    Data d'iscrizione : 06.07.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da pvorl il Lun 6 Lug 2009 - 21:33

    Rispondo a Mastrolindo e Mony.
    La Nuova Guida nasce per rispondere a molteplici domande. Ve le elenco brevemente:
    1) Che immagine ha l'autoscuola difronte all'opinione pubblica?
    2) Quanto è riconosciuto lo status del formatore di autoscuola e che importanza riveste a livello sociale?
    3) L'allievo che consegue la patente sa veramente guidare?
    4) Le metodologie didattiche sono realmente efficaci, hanno un fondamento scientifico o sono frutto di meccanismi esperenziali frutto della pratica "non ragionata"?
    5) Gli esaminatori sono in grado di esaminare?
    6) Tutti i titolari di autoscuola sono in grado di gestire imprenditorialmente la propria attività?
    7) Come si pone un'autoscuola dinnanzi alle evoluzioni tecnologie ed al cambiamento sociale?
    Cool Quanto è diversa un'autoscuola di 30 anni fa rispetto ad una di oggi e quanto diversi sono i propri servizi?

    Mi limito a queste poche domande poichè potrei aggiungerne molteplici.
    Se le ho fatte, significa che abbiamo una risposta concreta.
    A proposito di metodologie di insegnamento, rispettivamente alla parte pratica (la c.d. guida) vi lascio con una riflessione che è il cuore del nostro metodo di insegnamento:
    Come fa il cervello ad imparare a guidare? Quali sono le giuste sequenze didattiche che permettono la corretta instaurazione della coordinazione psico-motoria?

    E stiamo parlando solo di una parte di ciò che ci proponiamo di fare CONCRETAMENTE.
    Le cose stanno cambiando, finalmente. E' finita l'era della bottega dove si va per essere agevolati nel conseguimento della patente.
    La categoria autoscuole è formata da professionisti e da commercianti.
    Noi, con La Nuova Guida, ci rivolgiamo solo a chi è professionista e vuole esserlo ancora di più.
    I commercianti non li vogliamo, che vadano altrove, tanto prima o poi riusciremo a farli uscire fuori dal nostro mercato.

    Se volete avere informazioni su La Nuova Guida potete contattare Sermetra al numero 06/545691.
    Ciao
    Piero

    zafira
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 807
    Età : 57
    Località : Milano
    Occupazione/Hobby : Istruttore di guida, Carrozziere/meccanico, Hobby: Rally, ballo liscio, cucinare
    Data d'iscrizione : 05.02.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da zafira il Mar 7 Lug 2009 - 10:14

    pvorl ha scritto:
    Sono un consigliere di amministrazione de La Nuova Guida.

    Io sono Matteo, non rivesto alcuna carica, sono semplicemente un'istruttore e trovo un po denigrantorio a priori questo tuo modo di porti, anche se stai rispondendo a Carma, mi permetto con tutto il rispetto e senza offesa per nessuno di risponderti io.


    pvorl ha scritto:
    Tu stai in Polizia e dovresti conoscere bene il numero dei morti che ogni anno flagella purtroppo le nostre strade.

    Sicuramente Lei conosce i numeri che forse a qualcuno possono sfuggire, ma l'entità del problema lo conosciamo bene tutti.



    pvorl ha scritto:
    Noi siamo un gruppo di professionisti che, UDITE UDITE, attraverso approfonditi studi ed attraverso l'utilizzo di tecnologie innovative, riesce a preparare gli allievi in maniera REALMENTE efficace con un numero di lezioni inferiori alla classica autoscuola dalla quale VOGLIAMO DISTINGUERCI NETTAMENTE.

    Questa mi sembra una palese provocazione, se fossi un titolare potrei risponderti per le rime, ma non essendolo mi astengo.


    pvorl ha scritto:
    Ti invito a partecipare ad una delle mie lezioni di guida e scoprirai un modo totalmente diverso di formare i conducenti.
    Noi non puntiamo al conseguimento della patente ma puntiamo ad insegnare efficacemente a guidare, rispettando le norme del codice della strada e rendendo capaci gli allievi di fronteggiare (e soprattutto anticipare) i pericoli della strada.

    Ma davvero????
    Ma la vostra terapia miracolosa funziona anche con allievi stranieri che non hanno mai visto un'auto, di età avanzata e poco abbienti, o si adatta meglio ai ragazzi pieni di soldi, appassionati di auto e cresciuti in famiglie di automobilisti?
    Mi spieghi come fai a parlare di fronteggiare ed anticipare(come è giusto che sia) un'eventuale pericolo in sicurezza e quindi mantenedo i nervi saldi, quando l'allievo tipo comincia a gestire la frizione in maniera appena accettabile, ma ancora lontano dal normale, attorno alla decima lezione?
    Ma sopratutto come fai a farlo con un numero addirittura inferiore di lezioni?
    In conclusione vuoi dire che un mio allievo se riesce ad andare dignitosamente all'esame con 15 ore di guida, e tu ancora con meno gli insegni pure a destreggiarsi disinvoltamente con gli ostacoli improvvisi??
    Ma fammi il piacere...............

    Allora qui le cose sono due, o voi avete la bacchetta magica, oppure noi tutti siamo una massa di incapaci.

    Caro Pietro, credo poco nelle magie e fino a che non potrai smentirmi dimostrandomi il contrario (io te lo auguro), in modo che io stesso e tutti i miei colleghi possiamo avere la possibilità di divenire vostri allievi ed avere quindi la possibilità di imparare seriamente come si insegna a guidare.
    Fino ad allora per me e per tutti i colleghi/e che ci mettono sacrificio e passione in questo lavoro, le tue affermazioni un po effimere di colui che ha fatto la scoperta del secolo e che in passato abbiamo già sentito in stile campagna elettorale, sono solo aria fritta.

    pvorl
    Principiante
    Principiante

    Maschile
    Numero di messaggi : 8
    Età : 44
    Località : Pescara
    Occupazione/Hobby : Imprenditore
    Data d'iscrizione : 06.07.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da pvorl il Mar 7 Lug 2009 - 11:57

    Caro Matteo,
    cosa dovrei risponderti? Che hai ragione? Oppure che sei talmente immerso nella tua quotidianità a tal punto da credere di avere capito tutto di come funziona questo mestiere?
    Ecco qual'è il principale limite di tanti istruttori (o perlomeno di quelli che si professano tali). Credono tutti di essere i migliori, di sapere tutto e di non aver nulla da imparare.
    Ma ragiona un attimo. Secondo te, mi metto a scrivere cavolate per fare propaganda se ho detto che sono disposto al confronto?
    Tu che sei istruttore di guida e che ti sei risentito delle mie parole, rispondi a questa domande e poi discutiamo oltremodo:
    1) Cos'è la memoria procedurale ed in che modo ha attinenza con la guida?
    2) Come si forma una traccia mnesica e come diventa memoria procedurale?
    3) Cos'è la percezione inconscia?
    4) A quali funzioni principali assolve lo sguardo?
    5) Quali sono i principi biomeccanici per una corretta impostazione di guida?

    Mi fermo qui ma potrei fartene tante altre di domande.
    Dammi risposte concrete e non critiche sterili e poi continuiamo a parlare di questo "metodo miracoloso".
    Scusa se rischio di sembrarti sfrontato ma non accetto le provocazioni prive di senso.
    Tu mi sfidi a dimostrarti il contrario. Io sono pronto a farlo perchè non faccio il teorico ma metto in pratica quello che dico ed ho riscontri concreti anche con gli stranieri (anche io sono istruttore ed ho più di un'autoscuola pertanto ho una platea ampia sulla quale testare le metodologie di cui ti accenno).
    Come si fa ad insegnare a guidare in meno tempo e con risultati ottimali?
    Sono anni che ci studio su, sono anni che mi sono trovato dinnanzi a risultati incoraggianti e ad insuccessi ma non ho mai mollato perchè l'obiettivo finale era quello che oggi sono convinto di aver ottenuto.
    Premetto che devo le mie intuizioni anzitutto ad approfonditi studi sulla psicologia.
    Se vogliamo intavolare un discorso su metodi e metodologie, ben venga, sono felice di farlo.
    Però ti pregherei di aprire un pò di più la tua mente alle innovazioni e non credere che quello che tu fai non sia migliorabile perchè lo fai meglio di come si possa fare.

    zafira
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 807
    Età : 57
    Località : Milano
    Occupazione/Hobby : Istruttore di guida, Carrozziere/meccanico, Hobby: Rally, ballo liscio, cucinare
    Data d'iscrizione : 05.02.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da zafira il Mar 7 Lug 2009 - 12:55

    @pvorl

    Forse sono io che non mi sono spiegato bene, quello che trovo in te è una certa dose di presunzione, io mi sono risentito per primo per il semplice fatto che forse sono stato uno dei primi a leggere il post, ma di sicuro non l'unico. Il problema sta nel modo di porti, credi davvero di non essere tu a considerarti il migliore?
    Ma non siamo qui per stabilire chi è il migliore o peggiore, ma tu arrivi in un forum dove non non conosci nessuno, non sai con chi stai relazionando ed imposti la discussione sedendoti in cattedra, impostando il discorso da innovatore che si rivolge alla massa e cominciando a fare domande a chi ha un bel po di anni piu di te, senza sapere che costoro "potrebbero" (ho detto potrebbero) saperne almeno quanto te, o forse di piu.
    Come fai ad affermare che siamo convinti che non si possa fare di piu e che non andiamo oltre un palmo del nostro naso(in pratica è questo che volevi dire), ti sbagli Piero, ti sbagli di grosso, un bravo istruttore innanzitutto è sempre attento ai suggerimenti che possano in qualche maniera arricchirlo professionalmente e comunque deve mettersi sempre e costantemente in discussione e sopratutto quando arriva tra colleghi che non conosce, lo fa in punta di piedi, osserva, ascolta e poi comincia a dire la sua in maniera autorevole e non autoritaria.
    Il confronto puo esserci eccome, ma in maniera costruttiva e sopratutto sullo stesso piano, senza il bisogno di sfoggiare paroloni tratti da testi di psicologia, che sembrano quasi usate per mettere in evidenza la propria cultura, ma gli allievi devono imparare a guidare ed ogniuno ha il suo per poterlo trasmettere, l'importante è che venga fatto con scrupolo, competenza ed onestà, senza necessariamente essere un pozzo di scienza.
    Forse concettualmente siamo un po lontani, il mio punto di vista non è il tuo, ma non per questo uno è migliore e l'altro peggiore, io continuo a sostenere la tesi dell'aria fritta, in mancanza di spiegazioni chiare e tangibili.

    Carmageddon
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 778
    Età : 44
    Località : Treviso
    Occupazione/Hobby : Polfer. Hobbies: Autoscuola, Videogames, Retrogames, Basso, Quad
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Carmageddon il Mar 7 Lug 2009 - 14:49

    pvorl: Non hai sciolto i miei dubbi, anzi, me ne hai messi degli altri; ora li scrivo tutti.


    1) Perché un allievo dovrebbe scegliere proprio voi? Siete sicuri che succederà?

    2) Sono già partiti i primi corsi?

    3) Tempi e costi?

    4) Domande come
    pvorl ha scritto:
    - Cos'è la memoria procedurale ed in che modo ha attinenza con la guida?
    - Come si forma una traccia mnesica e come diventa memoria procedurale?
    - Cos'è la percezione inconscia?
    - A quali funzioni principali assolve lo sguardo?
    - Quali sono i principi biomeccanici per una corretta impostazione di guida?

    le rivolgete anche agli stranieri?

    No, perché siccome nell'autoscuola dove faccio l'insegnante "jolly" ci sono un paio di allievi che dopo 8 mesi ancora non riescono a distinguere il segnale "passare a sinistra di un ostacolo" dal segnale "obbligo di svolta a sinistra", vorrei proprio vedere come farebbero a capire una qualsiasi di quelle cinque domande °_°
    Nemmeno i ragazzi italiani sanno più mettere una H o un accento al posto giusto, figuriamoci la loro faccia se gli rivolgessi quelle domande asd Domani sera ci provo! asd


    Ripeto, felice di essere smentita, ma tu parli di "anni di studi", di psicologia, di "traccia mnesica" (lo so che tra te e te stai pensando che almeno l'80% degli utenti di questo forum non sanno cosa sia, lo so, ma non importa) e sorry, per ora sono solo parole. Sarei curiosa di vedere qualcosa dal vivo. Ma sul sito (molto gradevole il layout) vedo che il tutto è a Roma... Se fosse stato Pescara avrei potuto vedere qualcosa (ogni tanto faccio servizio sul treno che va a Bari, fermandomi proprio a Pescara) ma niente...



    P.S.: Hai detto che bisogna avere più apertura mentale verso le innovazioni, e va benissimo, ma cerca di comprendere però un pochino anche la reazione di Zafira: tu hai buone intenzioni, ma anche secondo me non ti sei presentato nel migliore dei modi, soprattutto con lo stralcio della "netta distinzione dalle altre autoscuole". A Napoli direbbero "E' arrivato 'o professore!"... Capisci che sebbene il sistema-patenti in Italia abbia più buchi di un groviera, non è nemmeno bello (e corretto) sparare a zero su tutte le autoscuole. Come in tutti i posti, c'è chi lavora da culo, ma c'è anche chi fa il proprio dovere.


    Ultima modifica di Carmageddon il Mar 7 Lug 2009 - 15:13, modificato 3 volte

    Caligola
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 1245
    Età : 28
    Località : Hamburg
    Occupazione/Hobby : musica-predicare
    Umore : gajardo
    Data d'iscrizione : 17.02.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Caligola il Mar 7 Lug 2009 - 14:58

    ...quanto non darvi ragione!
    Buoni i propositi della nuova creatura, buoni e sensati.
    Matteo, per quanto dica di abitare a Milano sfoggia come sempre il suo sangue caldo, sebbene trovi comunque buoni anche lui i propositi che vi prefiggete, ne sono certo.
    Carma é poliziotta, maoprattutto é femmina, ha espresso il suo parere.
    Nessun attrito.
    Tra l´altro credo anch´io che l´allievo medio e ancor piú (orore!) le famiglie stesse siano piu interessate ad un conseguimento "economico" piu che "certosino" della patente di guida.
    SE i punti menzionati saranno mai un giorno raggiunti, sará un bene per tutta la societá.
    Una cosa peró...
    "...prendere le distanze dalle altre autoscuole.." mi sembra un po´presuntuoso: conosco insegnanti che magari non fanno parte del vostro consorzio ma che comunque sono ineguagliabili, e le cose che dici che voi insegnerete le insegnano giá da tempo.
    O no?
    Suspect

    pvorl
    Principiante
    Principiante

    Maschile
    Numero di messaggi : 8
    Età : 44
    Località : Pescara
    Occupazione/Hobby : Imprenditore
    Data d'iscrizione : 06.07.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da pvorl il Mar 7 Lug 2009 - 15:16

    Scusami ma io sono per la discussione non per la critica.
    Lungi da me criticare l'operato altrui. Ognuno è responsabile delle proprie azioni e dei propri risultati.
    Io ti ho fatto alcune domande semplicemente per stimolare la discussione, non per sembrare presuntuoso (ciò che non sono assolutamente).
    Relativamente alla "cultura", premesso che è un elemento irrilevante in questo contesto, la mia citazione era solo per dirti che ci sono dei riscontri scientifici in ciò che asserisco e non mi sono inventato un metodo ma ho solo cercato di migliorare ciò che quotidianamente facciamo con esperienza e professionalità (e credo lo facciamo tutti, non solo io).
    Le domande che ti ho posto sono fatte solo per riflettere assieme a ciò che può essere una evoluzione della formazione.
    Odio intavolare discorsi che debbano per forza scadere sulle critiche personali. Non ho nulla nei tuoi confronti, anzi, ti ringrazio delle tue risposte anche se non le condivido.
    Non posso convincerti di quello che ti dico, voglio solo dire che se ci vogliamo migliorare, ci sono 1000 modi per farlo. Il mio è solo uno di questi e non certamente ho la sfera magica per dire o affermare che la mia soluzione è l'unica poichè li sarei presuntuoso e meriterei tale appellativo. Certamente però sono fermamente convinto di ciò che dico e sono ben felice di confrontarmi su quanto da me asserito.
    A me non va solo un discorso che purtroppo sento da tantissimi colleghi: la misura della loro bravura.
    L'istruttore si considera bravo sulla base di 2 elementi:
    1) Da quanti anni fa questo mestiere
    2) Quanti promossi ha agli esami
    Su questo, sono fermamente convinto che ci sia un errore di valutazione ed inviterei tanti a riflettere.
    Non vado oltre per non alimentare ulteriori polemiche.
    Secondo me puoi considerare tranquillamente "aria fritta" ciò che ho detto. Ho sentito (e spero che ciò avvenga realmente) che entro l'anno prossimo verrà recepita la famosa direttiva CEE che istituisce la figura dell'esaminatore di professione ovvero non più colui che sta dietro lo sportello della Motorizzazione la mattina ed il pomeriggio viene ad esaminare.
    Si tratterà di un soggetto esterno, non conosciuto, che dovrà sottoporsi a corsi di aggiornamento e che sicuramente avrà maggiori capacità valutative degli attuali (o perlomeno si spera).
    Se ciò dovesse avvenire, ti lascio immaginare come cambierà lo scenario del nostro settore....

    Carmageddon
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 778
    Età : 44
    Località : Treviso
    Occupazione/Hobby : Polfer. Hobbies: Autoscuola, Videogames, Retrogames, Basso, Quad
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Carmageddon il Mar 7 Lug 2009 - 15:22

    Okay, ma... le mie domande?

    pvorl
    Principiante
    Principiante

    Maschile
    Numero di messaggi : 8
    Età : 44
    Località : Pescara
    Occupazione/Hobby : Imprenditore
    Data d'iscrizione : 06.07.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da pvorl il Mar 7 Lug 2009 - 15:32

    Rispondo a Caligola:
    Prendere le distanze dalle altre autoscuole non è riferito a chi non è consorziato, ci mancherebbe.
    Ci sono tanti professionisti in Italia e lo restanto anche se non espongono alcun marchio.
    Io mi sento di prendere le distanze da chi vende le patenti, da chi si arrangia, da chi lavora per sentito dire, da chi ha mercificato (purtroppo) questo nostro settore.
    Hai perfettamente ragione sul criterio di scelta dell'allievo e delle famiglie. Purtroppo non si cerca la professionalità ed il lavoro ben fatto, si cerca la soluzione più economica per conseguire la patente.
    E' denigrante per uno che sa fare il proprio mestiere, doversi confrontare con un mercato che sceglie con lo stesso criterio con il quale si acquista un bene di largo consumo (ovvero, scelgo chi mi fa pagare meno).
    Nessuno sceglierebbe uno specialista medico solo perchè costa meno, nessuno si affiderebbe ad un avvocato solo perchè lo fa risparmiare.
    Però pare che a molti non interessi esser veramente preparato per circolare su strada. Molte volte si scelgono autoscuole solo sulla base del prezzo applicato e questo purtroppo è un grosso tallone di Achille per la nostra categoria.
    Io credevo di lanciare spunti di riflessione ma mi sono trovato addosso critiche (e sicuramente sarà dipeso anche dall'aver intavolato certi discorsi che possono sembrare "da maestrino").
    Rispondo a Carmageddon:
    Le domande sulla memoria ecc non certamente le rivolgiamo agli allievi ma agli istruttori e agli insegnanti.
    Relativamente alla citazione sulla difficoltà a distinguere un passaggio obbligatorio da una svolta obbligatoria, posso dirti qual'è il mio punto di vista.
    Io personalmente (a torto o a ragione) utilizzo i principi delle metodologie dell'apprendimento (Metodo Golfera nello specifico) per migliorare l'apprendimento e la memoria ed uso i principi della PNL per migliorare la mia comunicazione. La prima cosa che mi hanno insegnato nei vari corsi di comunicazione è che non è importante solo ciò che dici ma come lo dici e come lo trasmetti.
    A me è servito, ma questo è il mio punto di vista.

    zafira
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 807
    Età : 57
    Località : Milano
    Occupazione/Hobby : Istruttore di guida, Carrozziere/meccanico, Hobby: Rally, ballo liscio, cucinare
    Data d'iscrizione : 05.02.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da zafira il Mar 7 Lug 2009 - 15:51

    pvorl ha scritto:.
    Io credevo di lanciare spunti di riflessione ma mi sono trovato addosso critiche (e sicuramente sarà dipeso anche dall'aver intavolato certi discorsi che possono sembrare "da maestrino")..


    Ok, adesso cominciamo a capirci, così va gia molto meglio.

    pvorl ha scritto:.
    La prima cosa che mi hanno insegnato nei vari corsi di comunicazione è che non è importante solo ciò che dici ma come lo dici e come lo trasmetti.
    A me è servito, ma questo è il mio punto di vista.

    E' di fondamentale importanza, entrare in sintonia con l'allievo, capire il linguaggio da usare ed il modo di porsi in funzione della sua personalità, conquistando la sua fiducia.
    Queste metodiche possono essere fornite su un piatto d'argento, da esimi psicologi o possono essere acquisiti con anni di esperienza e buonsenso.

    Ospite
    Ospite

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Ospite il Mar 7 Lug 2009 - 16:53

    pvorl ha scritto:Rispondo a Mastrolindo e Mony.
    La Nuova Guida nasce per rispondere a molteplici domande. Ve le elenco brevemente:
    1) Che immagine ha l'autoscuola difronte all'opinione pubblica?
    2) Quanto è riconosciuto lo status del formatore di autoscuola e che importanza riveste a livello sociale?
    3) L'allievo che consegue la patente sa veramente guidare?
    4) Le metodologie didattiche sono realmente efficaci, hanno un fondamento scientifico o sono frutto di meccanismi esperenziali frutto della pratica "non ragionata"?
    5) Gli esaminatori sono in grado di esaminare?
    6) Tutti i titolari di autoscuola sono in grado di gestire imprenditorialmente la propria attività?
    7) Come si pone un'autoscuola dinnanzi alle evoluzioni tecnologie ed al cambiamento sociale?
    Cool Quanto è diversa un'autoscuola di 30 anni fa rispetto ad una di oggi e quanto diversi sono i propri servizi?

    Mi limito a queste poche domande poichè potrei aggiungerne molteplici.
    Se le ho fatte, significa che abbiamo una risposta concreta.
    A proposito di metodologie di insegnamento, rispettivamente alla parte pratica (la c.d. guida) vi lascio con una riflessione che è il cuore del nostro metodo di insegnamento:
    Come fa il cervello ad imparare a guidare? Quali sono le giuste sequenze didattiche che permettono la corretta instaurazione della coordinazione psico-motoria?

    E stiamo parlando solo di una parte di ciò che ci proponiamo di fare CONCRETAMENTE.
    Le cose stanno cambiando, finalmente. E' finita l'era della bottega dove si va per essere agevolati nel conseguimento della patente.
    La categoria autoscuole è formata da professionisti e da commercianti.
    Noi, con La Nuova Guida, ci rivolgiamo solo a chi è professionista e vuole esserlo ancora di più.
    I commercianti non li vogliamo, che vadano altrove, tanto prima o poi riusciremo a farli uscire fuori dal nostro mercato.

    Se volete avere informazioni su La Nuova Guida potete contattare Sermetra al numero 06/545691.
    Ciao
    Piero
    Salve. Ho appena letto il tuo argomento e, da ex-allieva tornata al decimo anno dalla patente in autoscuola perché non ho quasi mai guidato, mi piace molto quello che dici su questo settore. Secondo me questo nuovo approccio che descrivi è realmente innovatore ma, al di là di questo, molti istruttori (senza offesa alla categoria) sono rimasti un po' degli arcaici per quanto riguarda la formazione dei propri allievi. A parte il ritorno economico, su cui mi trovi ampiamente d'accordo, spesso gli istruttori non sono sufficientemente in grado di trasmettere i giusti atteggiamenti mentali al proprio allievo. Volevo chiederti se per caso, ai vostri corsi, si utilizzano delle tecniche per migliorare la propria intelligenza emotiva. La volontà al miglioramento personale è forse quella che pesa di più!


    Ultima modifica di LadyCharme il Mer 8 Lug 2009 - 21:54, modificato 1 volta

    zafira
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 807
    Età : 57
    Località : Milano
    Occupazione/Hobby : Istruttore di guida, Carrozziere/meccanico, Hobby: Rally, ballo liscio, cucinare
    Data d'iscrizione : 05.02.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da zafira il Mer 8 Lug 2009 - 10:35

    pvorl ha scritto:
    Purtroppo non si cerca la professionalità ed il lavoro ben fatto, si cerca la soluzione più economica per conseguire la patente.
    .

    E' questo il nodo fondamentale del problema.
    Ci sono due realtà decisamente contrastanti e che devono necessariamente amalgamarsi, da un lato le autoscuole che non sono enti di beneficienza, ma aziende che devono far quadrare i conti e trarne un profitto, che hanno peraltro una grande responsabilità etica, dato che il loro operato influisce massicciamente sulla sicurezza stradale, dall'altra il consumatore che ignaro fino a prova contraria dei rischi che corre conseguendo la patente senza una adeguata formazione, (che se fatta a dovere ha un costo sicuramente maggiore) sceglie la strada piu economica ed in teoria (ma solo in teoria) non si puo dargli torto.
    Questo è il risultato ottenuto da una classe esaminatoriale di qualità scadente che a sua volta non viene sostenuta da norme severe, che incoraggia alla ricerca dei sotterfugi ed alimenta l'arte di arrangiarsi, quindi non meravigliamoci di patenti vendute, esami fittizi, e quant'altro.
    In questa giungla chi vuole sopravvivere a mio avviso deve dare il massimo possibile (che non è il massimo che puo dare) in relazione a quanto gli viene corrisposto, pur sapendo che non è giusto, ma non puo fare altrimenti, perchè questo è quello che il mercato richiede ed egli deve rispondere.
    Siamo nell'era del low cost e sembrerà strano, ignobile, criminale, chiamatelo come volete, ma tale principio viene applicato anche in un campo cosi delicato come il nostro, la realtà è questa e vi sfido a dimostrarmi il contrario.

    Quindi, fatte queste considerazioni, alla luce dei fatti e per come sono applicate le attuali leggi, io penso che qualiasi innovazione, qualsiasi nuova prospettiva di progresso formativo e comunque ogni evoluzione a livello qualitativo del settore deve essere fatto, non andando ad aggravare i costi, altrimenti con tutti i buoni propositi, non avranno futuro.

    mastrolindo
    Autista della domenica
    Autista della domenica

    Maschile
    Numero di messaggi : 127
    Età : 44
    Località : veneto
    Occupazione/Hobby : mtb,ciclismo,legno
    Data d'iscrizione : 27.04.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da mastrolindo il Mer 8 Lug 2009 - 11:00

    qui ci si sofferma sul metodo di insegnamento...
    Domanda? com'è vista l'autoscuola dai più? il metodo più semplice, rapido e meno faticoso per predere la patente o un servizio essenziale per la collettività con il fine di preparare al meglio i futuri utenti/automobilisti?
    Io credo che nell'immagine colettiva ci sia la prima risposta e purtroppo anche nella testa di chi ci governa visto il decreto sicurezza e gli innumerevoli emandameti alla modifica del codice presso la comissione IX. Ma il peggio è che credo fermamente che tale idea ci sia anche nella maggior parte dei nostri colleghi insegnati/istruttori o titolari.
    Io credo che sia per questo motivo che il cliente "classico" scelga la scuola meno costosa, il cliente non classico facilmente se la compera.
    Gli allievi diminuiscono, il lavoro negli anni si svilisce ... come mai
    Bè se il primo è per la questione demografica per la seconda la colpa è nostra. Siamo dei lupi solitari con la paura iconscia del concorrente che ci spia e rubi la nostra clientela.
    Quanti corsi di formazione/aggiornamento ha fatto un isegnante, quanto abbiamo da imparare ... MI viene il dubbio che i primi "privatisti" siamo noi stessi.

    E' anche per questi motivi che nasce il consorzio nazionale ? (mi ricorda il caro vecchio Rovigoto con il suo CECU poi fallito nei peggiori dei modi)
    ciao

    mony
    Autista della domenica
    Autista della domenica

    Femminile
    Numero di messaggi : 100
    Età : 44
    Località : sardegna
    Occupazione/Hobby : insegnante
    Umore : ottimo
    Data d'iscrizione : 24.06.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da mony il Mer 8 Lug 2009 - 12:21

    Pvorl come mai quelli che si son consorziati sabato scorso hanno pagato 850 euro ed a quelli nuovi si chiedono ben 1850 euro?

    marfi
    Neopatentato
    Neopatentato

    Maschile
    Numero di messaggi : 25
    Età : 35
    Località : napoli
    Occupazione/Hobby : vvv
    Data d'iscrizione : 24.06.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da marfi il Mer 8 Lug 2009 - 12:24

    @ pvorl

    Ciao, i tuoi post mi hanno colpito, certe frasi mi si sono stampate nella mente così come certe risposte date da alcuni utenti e ti dirò che la "mia memoria" ricorda i punti salienti di questo discorso....! non so nemmeno da dove cominciare per dire la mia, facciamo così, ora chiudo gli occhi, ripenso ai tuoi discorsi dal principio e inizio ad immaginare ciò che mi frulla per la testa......

    ...allora, tu hai esordito così:

    [i]Noi siamo un gruppo di professionisti che, UDITE UDITE, attraverso approfonditi studi ed attraverso l'utilizzo di tecnologie innovative, riesce a preparare gli allievi in maniera REALMENTE efficace con un numero di lezioni inferiori alla classica autoscuola dalla quale VOGLIAMO DISTINGUERCI NETTAMENTE.
    Un nuovo sistema per spillare soldi alle autoscuole. Assolutamente no, il nostro è un gruppo serio creato per portare innovazione e qualità nelle autoscuole.[/i]


    ...Non fraintendere, ma nel mio immaginario vedo queste belle parole affisse su un cartellone pubblicitario di dimensioni mastodontiche associate alla figura di un bel signorotto giacca e cravatta con un sorriso a 32 denti.....
    Per me questa si chiama ...UDITE UDITE..... politica commerciale!

    ....E ora apriamo gli occhi e vediamo "il pubblico che ne pensa"... dunque, qui qualcuno ha chiesto in maniera molto spontanea e "semplice":

    1) Perché un allievo dovrebbe scegliere proprio voi? Siete sicuri che succederà?

    2) Sono già partiti i primi corsi?

    3) Tempi e costi?

    ...e sono arrivate risposte tipo:

    La Nuova Guida nasce per rispondere a molteplici domande. Ve le elenco brevemente:
    1) Che immagine ha l'autoscuola difronte all'opinione pubblica?
    2) Quanto è riconosciuto lo status del formatore di autoscuola e che importanza riveste a livello sociale?
    3) L'allievo che consegue la patente sa veramente guidare?
    4) Le metodologie didattiche sono realmente efficaci, hanno un fondamento scientifico o sono frutto di meccanismi esperenziali frutto della pratica "non ragionata"?
    5) Gli esaminatori sono in grado di esaminare?
    6) Tutti i titolari di autoscuola sono in grado di gestire imprenditorialmente la propria attività?
    7) Come si pone un'autoscuola dinnanzi alle evoluzioni tecnologie ed al cambiamento sociale?
    Quanto è diversa un'autoscuola di 30 anni fa rispetto ad una di oggi e quanto diversi sono i propri servizi?


    ...é troppo chiedere una risposta coerente....?
    Anche in questa occasione, mi è sembrata più una "carezza diplomatica" a favore dell'ingresso di questa nuova relatà "commerciale", che una sentita e sincera risposta....non trovi anche tu...? E quando qualcuno te lo ha fatto notare tu hai risposto: Non capisco perchè quando si cerca di fare qualcosa di buono nel settore autoscuole c'è sempre questa cultura del sospetto e dell'inciucio.

    ...! l'esperienza mi ha insegnato che sottolineando solo il sistema, lasciando per ultimo il disorso prezzo, chi di fronte, alza le barriere dello scetticismo, teme che voglia spillargli più soldi dalla tasca rispetto agli altri e non aspetta altro che sapere il prezzo...!

    ...Ma entriamo nel professionale... tu hai scritto:

    Io personalmente (a torto o a ragione) utilizzo i principi delle metodologie dell'apprendimento (Metodo Golfera nello specifico) per migliorare l'apprendimento e la memoria ed uso i principi della PNL per migliorare la mia comunicazione. La prima cosa che mi hanno insegnato nei vari corsi di comunicazione è che non è importante solo ciò che dici ma come lo dici e come lo trasmetti.
    ...Scusa il mio atteggiamento pvorl....e perdonami in anticipo..ma......"hai scoperto l'acqua calda".
    Hai sottolinetao :
    Premetto che devo le mie intuizioni anzitutto ad approfonditi studi sulla psicologia
    ...Ecco, qui ci sono istruttori e insegnanti che quese cose le hanno capite direttamente sul "campo di battaglia"...i migliori insegnanti sono e saranno a mio avviso i notri allievi, ognuno ha il suo modo di affrontare la vita, le paure, le difficoltà e mai come quando te li ritrovi in macchina si notano, sembra strano e insignificante per qualcuno, ma quando un allievio inizia a guidare partendo da zero, si affida completamente al suo istruttore e in quel momento inconsciamente si crea una sorta di cordone ombelicale... il compito dell'istruttore è analizzare il soggetto nelle sue lacune, cercando di intuire come fronteggia le sue paure e la sua ansia trovando la chiave di lettura giusta per adottare l'atteggiamento e il comportamento ideale e personalizzato. Chi lo devi "bastonare", chi lo devi incoraggiare, chi lo devi valorizzare ecc.... E ti dirò di più, sono loro i notri giudici, sono gli allievi che ci rendono bravi e che ci fanno capire cosa ancora abbiamo da imparare e non quando ci ringraziano o ci dicono che siamo stati i migliori, almeno io non ci credo, anche perchè, un allievo al suo insegnante istruttore si affeziona il più dell volte e parla più per simpatia che per obiettività. Un allievo che si espone dicendo al suo istruttore: sei bravo, sei un professionista e quant'altro, a mio avviso è attendibile solo se ha avuto a che fare con altri istruttori, diversamente....quelle belle parole servono solo ad accrescere la propria immagine "commerciale"...
    Che siamo o meno dei professionisti lo dovremmo capire da soli,in base ai risultati e ai progressi che notiamo nei soggetti che ci si presentano, grazie alle nostre indicazioni. Io mi limito a lavorare analizzando i soggetti e a capire come metterli in condizione di diventare autonomi, insegnandogli a regire contro loro stessi prima, e contro la strada poi.!
    Cete cose, non le impari sui libri.Certe intuizioni non nascono dagli studi, le devi avere innate, al massimo, puoi riscontrare che ciò che hai letto e studiato trova riscontro nella realtà...ma è ben diverso dall'intuizione.

    metodi studiati secondo teore di illustri psicologi, professori della comunicazione....ecc... per me non sono altro che un modo di accrescere il proprio bagaglio culturale e un modo di riempire le propire bacheche con titoli e diplomini vari per far capire alla gente: "sono un professionista esperto, vieni da me..."

    Carmageddon
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 778
    Età : 44
    Località : Treviso
    Occupazione/Hobby : Polfer. Hobbies: Autoscuola, Videogames, Retrogames, Basso, Quad
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Carmageddon il Mer 8 Lug 2009 - 12:50

    Bravo marfi, quoto ogni cosa. Eh sì, hai notato anche tu che a quelle mie prime 3 domande non ho ancora visto risposta...

    mastrolindo
    Autista della domenica
    Autista della domenica

    Maschile
    Numero di messaggi : 127
    Età : 44
    Località : veneto
    Occupazione/Hobby : mtb,ciclismo,legno
    Data d'iscrizione : 27.04.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da mastrolindo il Mer 8 Lug 2009 - 13:25

    Mi dispice andare contro corrente ma inviece io non quoto ogni cosa.
    sarebbe come dire: "milioni di persone si rivolgono dai maghi merlini o dal cartomante del momento, il 90% dicono che sono bravi e che ci azzeccano e quindi ..." è vero che nessuno è nato formatore, l'esperienza ci aiuta, che i primi nostri maestri sono stati: quelli che ci hanno avviato con passione a questa attività e i nostri allievi, però credo che sia insufficente.
    Bisogna a mio parere uno sforzo maggiore sia intelettuale che economico da parte nostra.
    La nostra categoria ha bisogno di evolversi nel suo insieme, quindi solo uno sforzo comune puo portare dei risultati, se lasciato alla volontà del singolo individuo non portera ai risulati che ogniuno di noi nel suo cuore spera.
    Le cose "innate" e meglio lasciarle hai sogetti in alto indicati, siamo delle persone normali con istinti normali che mettono semplicemente "passione" in quello che fanno, e non è sufficente .
    Forse non sono stato capito nel messaggio precedente e lo ripeto : il privatismo, il fai da te non esiste solo nel conseguimento della patente, dalle risposte che leggo sembra che esisti anche nell'insegnamento : faccio un esame per diventare insegnante/istruttore e poi ... ci si ritiene in grado di insegnare, non è troppo limitativo?
    ciao

    pvorl
    Principiante
    Principiante

    Maschile
    Numero di messaggi : 8
    Età : 44
    Località : Pescara
    Occupazione/Hobby : Imprenditore
    Data d'iscrizione : 06.07.09

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da pvorl il Mer 8 Lug 2009 - 13:42

    Francamente Marfy, quello che tu scrivi mi lascia attonito. Tu dici in sostanza che si impara con l'emulazione, con la pratica, stando sul campo (cose in parte pienamente condivisibili) ma quando dici che i titoli servono solo ad appenderli in bacheca, francamente mi viene da sorridere.
    Ci andresti da un Dottore se ti racconta che ha curato tante persone e poi ti confessa di non aver mai studiato nulla? Io personalmente me ne guarderei. Potrebbe essere bravissimo avendo imparato dall'esperienza ma non avrebbe le basi per evolvere tale capacità. Saprebbe fare cioè solo quello che ha imparato e per imparare altro dovrebbe "sperimentare" mettendo a rischio la vita altrui.
    Il discorso è questo. L'esperienza è fondamentale, sicuramente. Ma come te la fai?
    Provando, sperimentando e nel frattempo (nel mentre in cui impari bene a fare didatica) tiri fuori persone incapaci di guidare.
    Poi, arrivati ai famosi 20-30 anni di esperienza (ormai è un disco rotto che sento da tanti istruttori) a quel punto ti senti capace di affrontare tutte le sfide e a sfidare anche chi ti parla in "gergo commerciale" o utilizza termini tecnici, bollandolo come "venditore di aria fritta".
    Ti sei chiesto perchè il nostro settore sta andando sempre più in declino? Non credi siamo noi gli artefici della nostra disfatta? O forse la mia "paventata" cultura mi ha talmente offuscato la mente da tenermi totalmente fuori della realtà?
    Io ho iniziato la discussione in questo forum con delle provocazioni (volute) affinchè si creasse (come è successo) un bel dibattito di cui sono contento.
    Io non devo convicervi ad entrare nel consorzio La Nuova Guida, sono qui per spiegare cosa effettivamente vogliamo fare, a torto o a ragione.
    Sapete bene che il mercato deciderà il nostro successo o il nostro insuccesso. Quindi è inutile fare congetture oggi che siamo appena partiti. Potreste piuttosto dirmi "ci risentiamo tra 1 anno" e la stessa cosa potrei dirvi anche io. Vedremo chi avrà avuto ragione e non avrò alcun timore ad ammettere eventuali sconfitte, ammesse che ce ne saranno.

    Tengo poi a sottolineare il fatto che in questo settore praticamente ci sono nato, essendo "figlio d'arte" ma non mi sono mai sognato di definirmi bravo perchè abbiamo l'autoscuola da tanti anni ne tantomeno mi sono fregiato del fatto di averne più di una di autoscuole.
    Per me sono cose irrilevanti. Ho conosciuto tanti neofiti del mestiere che hanno preso il volo in poco tempo perchè sono preparati, capaci e seri quindi l'abbinamento anni lavoro/esperienza francamente è una cosa che non posso accettare seppur in prima persona dovrei fregiarmene.
    Caro Marfy, vorrei riparlare di metodi e metodologie dopo che le cose saranno cambiate, dopo che avranno tolto questi "pseudo esaminatori" ed avranno inserito professionisti in grado di valutare realmente le capacità di guida dell'allievo.
    E' facile oggi far superare l'esame all'allievo. Basta che ti adegui ai percorsi (sempre gli stessi) che molti esaminatori fanno fare, gli insegni le cose che ciascuno di loro vogliono vedere, lo piloti con cenni e gesti per ricordargli di cambiare le marce, girare lo sterzo ecc, e quando trovi l'esaminatore intontito, fai il pianista con i doppi comandi aiutando l'allievo nelle manovre.
    Magari poi la mattina sei stato in motorizzazione, hai steso il tappeto rosso all'esaminatore, sei andato a prendergli il caffè, a fare le sue commissioni.
    E tu credi che queste cose non si facciano? Premetto che non sto parlando della mia realtà ma di tante realtà italiane, da nord a sud, considerando che conosco tantissimi colleghi in varie zone d'Italia che mi raccontato sempre le stesse cose.
    Se vogliamo credere alle favole, credere che tutto va bene, che è bravo chi esercita da anni mentre chi è appena arrivato deve fare "esperienza", crediamolo pure e non discutiamone più, tanto non avrebbe alcun senso.
    Concordo perfettamente con quanto scrive Mastrolindo, siamo noi i primi a credere che la patente debba essere conseguita nel modo più semplice e meno faticoso.
    Ed ha ragione anche Zafira poichè molte volte siamo costretti a far quadrare i conti con il conseguente risultato di doverci adattare alla situazione.
    A Carmageddon rispondo che alle sue 3 domande c'è una risposta che sto dando nei miei post.
    Cosa dovrei dirti? Quanto costa entrare? Mi fai le stesse domande che mi vengono poste dagli allievi quando vengono a chiedere informazioni: quanto costa la patente? E i servizi, e tutto che c'è dietro non ti interessa? Sai cosa rispondo a chi mi chiede informazioni telefoniche sul costo della patente oppure passa solo per chiedere il prezzo? Noi non vendiamo nessun prodotto ma eroghiamo un servizio. Non si può chiedere un prezzo per fare paragoni se prima non conosci i dettagli dei servizi offerti.
    Quindi, per farla breve, chi vuole sapere da me solo "quanto costo", può andare tranquillamente ad iscriversi presso altre autoscuole.
    Se poi mi da la possibilità di spiegare cosa gli offro (pensa che anche li metto in campo le mie PAROLONE) ho molte chances di acquisire un cliente che si iscrive da me perchè sa cosa intendo offrirgli anche se ha la consapevolezza che sono più costoso degli altri.
    Le persone acquistano un jeans da 200 euro solo perchè è firmato (magari poi ha una pessima manifattura) e poi vogliono scegliere l'autoscuola sulla base di chi chiede meno.
    L'errore è nostro. Chi chiede poco sa di valere poco. Chi chiede di più deve poter offrire di più.
    Non è una logica di mercato?

    Carmageddon
    Campione del volante
    Campione del volante

    Femminile
    Numero di messaggi : 778
    Età : 44
    Località : Treviso
    Occupazione/Hobby : Polfer. Hobbies: Autoscuola, Videogames, Retrogames, Basso, Quad
    Data d'iscrizione : 29.01.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Carmageddon il Mer 8 Lug 2009 - 14:10

    Io non ho voluto sapere "solo quanto costi" ma anche altre cose, a cui tu, ancora una volta, hai glissato! La mia era solo una curiosità, sai? Io non ho bisogno di te, ma ho posto la stessa domanda che potrebbe porti una persona qualsiasi che varca la tua soglia e ha il SACROSANTO DIRITTO di avere informazioni prima di aprire il portafogli!!

    Lo sai questo?

    Credi che la gente viva d'ARIA?

    Tu ora qui te la stai solo tirando! Ma non è certo così che darai una buona impressione ai clienti! Perché tu dici che non sei un commerciante, ma alla fine ti dovrai comprare da mangiare come tutti gli altri mortali, o no?

    Bla bla bla! E' questo, finora, che io (e altri) ho letto in questo topic! E per me puoi anche continuare a tirartela! L'unica cosa giusta che dici (non si deve guardare solo il prezzo, ma soprattutto la qualità del servizio) l'hai sotterrata dal mucchio di paroloni e pseudo-risposte che hai detto finora!

    Beh, sai che ti dico? Scendi da quel piedistallo! O rimanici pure, io la mia strada so qual è e continuo a vivere la mia vita!



    Ma guarda che modi..... Io le persone che se la menano così le odio!

    zafira
    Campione del volante
    Campione del volante

    Maschile
    Numero di messaggi : 807
    Età : 57
    Località : Milano
    Occupazione/Hobby : Istruttore di guida, Carrozziere/meccanico, Hobby: Rally, ballo liscio, cucinare
    Data d'iscrizione : 05.02.08

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da zafira il Mer 8 Lug 2009 - 14:12

    pvorl ha scritto:Non è una logica di mercato?

    La logica del mercato, è la relazione fra domanda e offerta da cui ne consegue il costo.
    Tu offri un servizio, non un prodotto di griffe e questo servizio lo offrono anche gli altri (lo stesso servizio, almeno in apparenza).
    Tu, in quanto veterano e figlio d'arte, sei ancora convinto che l'allievo e le loro famiglie scelgano te perchè insegni veramente a guidare e gli altri no? Trascurando il dettaglio prezzo?

    Io invece sono convinto "purtroppo", che il 90% di essi definiscano la migliore solo chi è piu vantaggiosa economicamente, l'importante (pensano loro) è che mi faccia prendere la patente.
    Mettiti nella veste dell'allievo tipo (che è quello che puo decidere se portare i soldi a te o a qualcun'altro) e dimostrami il contrario.

    Se ti metti nei panni del titolare di autoscuola possiamo fare tutti i bei discorsi di questo mondo, ma alla fine o ti adegui oppure....................

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Consorzio nazionale autoscuole "la nuova guida"

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato Oggi a 7:03


      La data/ora di oggi è Gio 8 Dic 2016 - 7:03